Marelab

Dpa - Persona designata a terra (Designated Person Ashore)

Sequenza di processo Gestione sicurezza e prevenzione dell’inquinamento a bordo nave
Qualificazione regionale DPA - PERSONA DESIGNATA A TERRA
(DESIGNATED PERSON ASHORE)
Referenziazioni della qualificazione Nomenclatura delle unità Professionali (NUP/CP ISTAT 2006):
3.4.5.5.0 Tecnici dei servizi di sicurezza privati e professioni assimilate
Nomenclatura delle unità Professionali (NUP/CP ISTAT 2011):
3.4.5.4 Tecnici dei servizi di sicurezza privati e professioni assimilate
Classificazione delle attività economiche (ATECO 2007/ISTAT):
50.1 Trasporto marittimo e costiero di passeggeri
50.2 Trasporto marittimo e costiero di merci
Livello EQF EQF 5
Descrizione sintetica della qualificazione e delle attività Il DPA – Persona Designata a terra è la persona che ha il compito di assicurare le operazioni di sicurezza di ogni nave e provvede al collegamento tra gli uffici della compagnia e la nave. Nello svolgimento delle sue funzioni, egli ha diretto accesso ai più alti livelli di management (cap. 1, art. 4 - ISM code). La responsabilità
e l’autorità del DPA include il monitoraggio della sicurezza e la prevenzione dell’inquinamento e si assicura che vi siano adeguate risorse a terra.

Competenza N.1

Verificare l’efficacia del sistema di gestione della sicurezza all’interno della Compagnia di navigazione, secondo le procedure stabilite all’interno del manuale di gestione di sicurezza per garantire il rispetto delle norme e dei regolamenti: assicurando la comunicazione e implementazione delle politiche di sicurezza e protezione ambientale; valutando e revisionando opportunamente il sistema di gestione sicurezza, se necessario; organizzando e monitorando gli audit interni eseguendo appropriate revisioni dell’SMS; assicurando che vi siano adeguate risorse e supporto a terra
Risultato atteso: controllo Sicurezza a bordo nave

Abilità

/ Applicare la legislazione marittima, relativa alle misure per garantire la sicurezza in mare, la security e la protezione dell’ambiente, in accordo alle convenzioni internazionali
/ Valutare gli aggiornamenti necessari ai manuali della Compagnia.
/ Monitorare aggiornamenti delle certificazioni.
/ Riconoscere le caratteristiche di una nave e delle sue operazioni
/ Supervisionare il corretto utilizzo degli strumenti di comunicazione e navigazione
/ Utilizzare la lingua inglese, sia scritta che parlata, a livello intermediate
/ Decidere le contromisure da prendere in caso di incidente.
/ Verificare che il personale di bordo, sia adeguatamente formato e informato sui rischi relativi alla sicurezza, qualità, security e protezione dell’ambiente marino
/ Individuare, analizzare e valutare i rischi degli ambienti di lavoro a bordo della nave
/ Verificare la congruità  dei mezzi di prevenzione e protezione ed applicando le disposizioni legislative.
/ Garantire l’applicazione della relativa segnaletica.
/ Controllare/verificare l’applicazione delle procedure secondo la normativa ISM e il manuale della Compagnia
/ Controllare/verificare le procedure secondo la normativa ISPS e il manuale della compagnia
/ Controllare/verificare l’applicazione delle procedure di qualità secondo la normativa ISO e il manuale della compagnia

Conoscenze

/ Conoscenza e comprensione del codice ISM
/ Norme e regolamenti applicabili
/ I Codici, le istruzioni e le norme applicabili
/ Aspetti tecnici e operativi della gestione della sicurezza;
/ Adeguata conoscenza della navigazione e delle operazioni di bordo e dell’architettura navale
/ Tecniche di comunicazione efficace con il personale di bordo e senior management
/ Tipologie di certificati ed altri documenti richiesti
/ Tecniche di progettazione manuali e procedure di sicurezza a bordo di una nave
/ Regolamenti degli enti di classifica
/ Equipaggiamenti di sicurezza, salvataggio e antinquinamento
/ Procedure per la gestione delle emergenze
/ Tecniche di gestione delle risorse e valutazione delle performance del personale di bordo
/ Tipologie di training in materia di sicurezza, per marittimi.
/ Tecniche di pianificazione e gestione dell’audit di sicurezza (safety)
/ Lingua Inglese e terminologia tecnica di settore (liv. C1 – C2).
/ Tecniche di rilevazione dei gap di competenze
/ Tipologie di strumenti necessari per la rilevazione del fabbisogno
/ Normativa nazionale ed internazionale sui training obbligatori e/o facoltativi del personale di bordo
/ Normativa internazionale e nazionale sugli adempimenti formativi obbligatori – per tutto il personale di bordo e di terra – in materia di salute e sicurezza sul lavoro

Indicazioni per la valutazione delle competenze

Oggetto di osservazione
L’applicazione delle procedure e degli indicatori di efficacia ed efficienza del sistema di gestione sicurezza della Compagnia, in coerenza con quanto previsto dal manuale di gestione sicurezza della Compagnia in riferimento alle norme e regolamenti previsti per salvaguardare la sicurezza propria e altrui
Indicatori
/ Le procedure di gestione della interfaccia e monitoraggio delle operazioni delle agenzie marittime, durante la sosta della nave in porto, sono espletate in modo corretto e in base alle caratteristiche del viaggio, del carico e della nave

Competenza N.2

Controllare il flusso informativo da bordo/terra e viceversa, raccogliendo e analizzando i dati provenienti da eventi o situazioni pericolose, da incidenti, mancati incidenti e infortuni e implementando le azioni correttive intraprese, nei piani del sistema di gestione della sicurezza
Risultato atteso: gestione prevenzione inquinamento

Abilità

/  Utilizzare il Materiale Antinquinamento
/  Analizzare i piani di gestione della sicurezza
/  Identificare i possibili pericoli di inquinamento e i comportamenti da far adottare

Conoscenze

/ Procedure di controllo del flusso informativo da bordo/terra per la prevenzione di pericoli e incidenti
/ Ubicazione del Materiale Antinquinamento
/ Procedure per il Deposito Rifiuti
/ Procedure per lo smaltimento liquami
/ Procedure del Piano SMPEP
/ Tipologie comportamenti e azioni da intraprendere in caso di inquinamento a mare
/ Organizzazione delle squadre di emergenza

Indicazioni per la valutazione delle competenze

Oggetto di osservazione
Le operazioni di controllo del flusso informativo da bordo/terra per la salvaguardia e prevenzione dell’inquinamento
Indicatori
/ Le procedure di controllo dei flussi informativi bordo/terra e il controllo delle azioni adottate a bordo per prevenire l’inquinamento, sono eseguite secondo le prescrizioni del piano del sistema gestione sicurezza della Compagnia

Competenza N.3

Eseguire investigazioni in caso di incidenti o avarie della nave, in collaborazione con i responsabili degli uffici competenti e le autorità marittime e gli enti assicurativi, al fine di identificarne le cause e mettere in atto le azioni correttive.
Risultato atteso: investigazione incidenti

Abilità

/ Saper condurre un investigazione in seguito a un incidente o mancato incidente
/ Saper analizzare dati e informazioni statistiche riferite a precedenti incidenti

Conoscenze

/ Tecniche della pianificazione e gestione dell’investigazione
/ Conoscere la gestione dei mezzi di comunicazione
/ Conoscenze tecniche di gestione emergenze

Indicazioni per la valutazione delle competenze

Oggetto di osservazione
Le operazioni e le modalità di investigazione degli incidenti e delle azioni correttive identificate e processate
Indicatori
/ Le procedure di pianificazione e gestione dell’investigazione sono adeguatamente perseguite secondo quanto previsto dalle normative e standard internazionali
/ Le procedure per il monitoraggio delle operazioni effettuate dall’equipaggio e della modalità di manutenzione e messa in funzione degli equipaggiamenti, sono conformi con i requisiti legislativi
/ Gli incidenti avvenuti o mancati, sono identificati in modo corretto e adeguato, in modo da garantire la sicurezza delle persone a bordo, della navigazione, della nave e dell’ambiente marino
/ Le azioni correttive/preventive sono tempestivamente  identificate in modo corretto  e adeguato per garantire la sicurezza delle persone a bordo, della navigazione, della nave e dell’ambiente marino

Abilitazioni ed altri requisiti

Titoli di studio propedeutici all’esercizio della professione Essere in possesso di Laurea di I livello in scienze nautiche e/o in ingegneria navale.
Oppure essere in possesso di un titolo di Ufficiale di navigazione certificato ai sensi della Convenzione internazionale sugli standard di addestramento (STCW) e dell’esperienza di navigazione.
Oppure altra istruzione formale combinata con non meno di tre anni esperienza pratica a livello senior in attività di gestione navale.
Abilitazioni Corso ISM code
Altri requisiti / Adeguata conoscenza della lingua inglese (liv. C1 – C2)

Formazione

formazione

Orientamento

orientamento

mestieri del mare

REQUISITI MINIMI

Requisiti per la formazione fissati dalla Convenzione internazionale sugli standard di addestramento, abilitazione e tenuta della guardia per i marittimi.

CONTINUA A LEGGERE

C.C.N.L.

Stipulato il 5 giugno 2007 per l’imbarco dei lavoratori marittimi sulle navi da carico e sulle navi traghetto passeggeri/merci superiori a 151 tonnellate di stazza lorda.
CONTINUA A LEGGERE

CODICE DELLA NAVIGAZIONE

Approvato con Regio Decreto n. 237, il Codice è lo strumento con cui si applica il diritto della navigazione marittima, interna ed aerea (autonomo rispetto al diritto comune).
CONTINUA A LEGGERE

PESCA MARITTIMA

È il Regolamento per l’esecuzione della Legge n. 963 del 1965, che disciplinava la pesca marittima e che è stata soppressa dal D. Lgs. n. 4 del 9 gennaio 2012.
CONTINUA A LEGGERE

marelab  loghi footer